Una raccolta di poesie e filastrocche per festeggiare una delle ricorrenze più amate dai bambini: il Carnevale. Tanti testi divertenti da imparare e recitare, a scuola e a casa.

Hai scritto una poesia una filastrocca o un piccolo racconto di Carnevale? 
Ti piacerebbe vederla pubblicata su Baby Magazine?

Invia qui

Il vestito di Arlecchino

di Gianni Rodari

Per fare un vestito ad Arlecchino
ci mise una toppa Meneghino,
ne mise un’altra Pulcinella,
una Gianduja, una Brighella.

Pantalone, vecchio pidocchio,
ci mise uno strappo sul ginocchio,
e Stenterello, largo di mano
qualche macchia di vino toscano.

Colombina che lo cucì
fece un vestito stretto così.
Arlecchino lo mise lo stesso
ma ci stava un tantino perplesso.

Disse allora Balanzone,
bolognese dottorone:
“Ti assicuro e te lo giuro
che ti andrà bene il mese venturo
se osserverai la mia ricetta:
un giorno digiuno e l’altro bolletta!”

 

Stelle filanti

da “Impronte”, ed. Tresei scuola

Perché si chiamano stelle filanti?
Non sono mica stelline del cielo!
Ma sono strisce a colori sgargianti,
fatte di carte che pare di velo.
Sembran piuttosto festoni gettati
da casa a casa, da pianta a pianta;
collane, dondoli colorati,
dove il vento ci balla e ci canta.
Poi nelle sere di luna piena
un raggio d’oro ci fa l’altalena.

Carnevale di un bambino pauroso

di K. Kackson

Vorrei una maschera
così spaventosa
che tremi la gente
più coraggiosa,
da strega a fantasma,
da mostro o vampiro
da scheletro bianco
che vaghi in giro
tra gli alberi spogli
del lume lunare
così la gente
si metta ad urlare.
E nessuno sappia
che il più spaventoso
di tutti i costumi
ce l’ha il più pauroso!

 

Le mascherine

di B. Marini

Siam le belle mascherine
tutte allegre e profumate
siamo vispe e birichine,
misteriose come fate.

Noi sappiam chi siete voi
che ridendo ci guardate.
Dite un po’ chi siamo noi?
Oh, giammai lo indovinate!

Siam le belle mascherine
che vi portano allegria,
che non fan nulla di male…
Viva! Viva il carnevale!

Filastrocca di Carnevale

di Giuseppe Bordi

Filastrocca di Carnevale
fai uno scherzo niente male
getta acqua di ogni colore
e lava via tutto il grigiore.

Togli lo sdegno da ogni viso
curva le labbra in un sorriso
riempi le bocche di belle risate
e le strade di carri e parate.

Regala al cielo le stelle filanti
ai disillusi due occhi sognanti
spargi coriandoli per la via
riporta nei cuori la fantasia.

Porta un costume a tutti noi
facci giocare a essere eroi
e sotto questi mascheramenti
saremo tutti felici e contenti.

Hai scritto una poesia una filastrocca o un piccolo racconto di Carnevale? 

Ti piacerebbe vederla pubblicata su Baby Magazine?

9 + 13 =