Virus respiratorio sinciziale

C

DEFINIZIONE:

Il virus respiratorio sinciziale (RSV) è un virus a RNA, che fa parte degli pneumovirus. È la causa più frequente di patologia delle vie aeree inferiori nei lattanti. Negli adulti e nei bambini più grandi si manifesta con una malattia lieve che guarisce senza necessità di particolari terapie. Tuttavia, durante la prima infanzia, l’infezione può estendersi verso le vie aeree inferiori e causare tosse e respiro sibilante.
In alcuni casi i piccoli pazienti possono sviluppare una grave malattia respiratoria (bronchiolite) che rende necessaria l’ospedalizzazione.
Il periodo di maggiore contagiosità solitamente è compreso tra novembre e aprile, con un picco nei mesi di gennaio, febbraio e marzo.
Quasi tutti i bambini contraggono l’infezione nei primi 4 anni di vita. Non ci sono farmaci specifici per il trattamento di questo virus. Essendo la malattia di natura virale non vanno somministrati antibiotici. La cura si basa sul trattamento degli effetti del virus sul sistema respiratorio.

Parole correlate: